LANUVIO, SI E’ SVOLTA IERI LA CERIMONIA CHE HA DATO VITA AL GEMELLAGGIO CON LA CITTA’ DI PAESTUM

82

(MeridianaNotizie) Lanuvio, 4 dicembre 2022 – Si è svolto ieri, nell’ambito della quinta edizione del “Festival della Maza” di Lanuvio, l’incontro istituzionale per ufficializzale il gemellaggio tra il comune di Lanuvio e il comune di Capaccio Paestum. All’evento, che si è tenuto presso la Sala Consiliare del Comune, hanno partecipato il Sindaco di Lanuvio Andrea Volpi insieme a tutta la giunta e il consiglio comunale, la dirigente scolastica dei due istituti comprensivi “Ettore Majorana” e “Marianna Dionigi” la dott.ssa Laura Lamanna, la delegazione del comune spagnolo di Godella, gemellato anche esso con il comune di Lanuvio, composta dal Sindaco Teresa Bueso Marqués accompagnata dal Consigliere delegato ai Gemellaggi Carmen Arnal, Domenico Cavallo Funzionario Parco Archeologico di Paestum e Velia e Teresa Giuliani Presidente Fondazione amici di Paestum e Velia. Il gemellaggio, già avvenuto a livello di giunte comunali, ha radici storico – archeologiche ma è anche proiettato sulla tessitura e tutta una serie di relazioni di rapporti partiti da uno scambio culturale a livello scolastico che ha visto coinvolta la scuola Marianna Dionigi.
Dopo gli onori di casa del Sindaco Volpi si è proceduto con lo scambio dei doni che hanno siglato questa nuova unione culturale. Dopo la cerimonia le delegazioni hanno partecipato ad una visita guidata del centro storico di Lanuvio.
“Sono estremamente soddisfatto di questo gemellaggio che è il risultato di un lavoro di rapporti e relazioni che ha visto diverse tappe di avvicinamento” ha commentato il Sindaco Andrea Volpi. “Lanuvio e Capaccio-Paestum hanno molte cose in comune, certamente dal punto di vista storico e archeologico, ma anche a livello di usi e tradizioni. Unire in maniera istituzionale le nostre due culture non può che essere un valore aggiunto anche dal punto di vista turistico per far conoscere sempre di più le nostre due città”.

Articolo precedenteRassegna Amori Rubati: presentato “Mia o di nessun altro”, il libro di Catia Acquesta
Articolo successivoIl “caso Labruna”, appuntamento l’8 a La Nuvola