Pensioni. Paolo Capone, Leader UGL: “Necessaria riforma organica che incentivi flessibilità in uscita e turnover generazionale”

16

“La volontà del Ministro del Lavoro Marina Calderone di convocare un tavolo con le parti sociali per una riforma organica della previdenza va nella direzione auspicata dall’UGL. È fondamentale razionalizzare gli strumenti di pensionamento esistenti per adeguare il sistema previdenziale alle esigenze dei lavoratori e salvaguardare, così, i diritti acquisiti. In questa prospettiva, la soluzione migliore è Quota 41, che prevede 41 anni di contributi a prescindere dall’età anagrafica, in quanto offre a migliaia di persone la possibilità di scelta. Aver impedito il ritorno in vigore della Legge Fornero è senza dubbio un primo passo significativo. È prioritario, inoltre, stabilizzare due formule di intervento sociale come l’Ape sociale e Opzione donna. L’UGL è disponibile a discutere di nuovi meccanismi che incentivino la flessibilità in uscita e il ricambio generazionale incoraggiando, allo stesso tempo, l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro”. Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito all’intenzione del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Marina Calderone di convocare un tavolo per la riforma delle pensioni a partire dai primi giorni del prossimo anno.

 

Articolo precedenteDecentralizzazione dei trial clinici in Italia: rilanciata l’idea di un intergruppo parlamentare su ricerca e sperimentazione clinica
Articolo successivoRoma, lunedì 19 la presentazione del Quinto rapporto Auditel- Censis