Il Documentario Kordon in tour ai confini con l’Ucraina con la regista Alice Tomassini

41

 

(Meridiana Notizie) Roma Martedì 13 dicembre – Dopo l’anteprima mondiale alla diciassettesima edizione della Festa del Cinema di Roma e l’anteprima Europea al UK Film Festival dove si è aggiudicato il premio come miglior documentario, Kordon diretto da Alice Tomassini eprodotto da Vatican Media e Tenderstories inizia nel mese di Dicembre 2022 un tour di proiezioni in Ungheria, Slovacchia, Polonia, Moldavia e Romania, nelle capitali e nei principali luoghi di confine con l’Ucraina che hanno svolto e stanno ancora svolgendo un ruolo fondamentale per aiutare i rifugiati.

Kordon racconta storie di straordinaria umanità ai confini con l’Ucraina. Storie che si specchiano in quelle degli oltresette milioni di donne e bambini che sono fuggiti dalla guerra. E ci interrogano su che cosa significhi, nel mondo d’oggi,varcare una linea tanto invisibile quanto concreta come il confine tra due Stati, lasciandosi alle spalle il proprio mondo. Storie ordinarie ma al contempo straordinarie che mostrano l’importanza del ruolo delle donne come operatrici di pacedi fronte a un mondo che sembra impazzito.

Il tour è iniziato il 12 Dicembre in occasione del Doc Berlin Film Festival, le tappe successive saranno Budapest eZahony (Ungheria) Bratislava e Vyšné Nemecké (Slovacchia) Cracovia e Przemyśl (Polonia) Bucarest e SighetuMarmației (România) Chișinău (Moldavia) e molte altre città che anche grazie al prezioso supporto di volontari daogni parte del mondo e degli Istituti di Cultura Italiana all’estero, si stanno unendo all’iniziativa per condividere questo film che narra aiuto e speranza nella drammatica situazione che il popolo ucraino sta vivendo.

Per maggiori informazioni e per supportare l’iniziativa: www.Kordon-film.com

(A cura di Raffaele Natalucci)

 

Articolo precedenteSanità. Cittadini (Aiop): “Con Tavolo Ministero Salute-FoSSC nuove prospettive SSN”
Articolo successivoRoma, domani al Centro Studi Americani si parla di Trial Clinici Decentralizzati, tra etica e opportunità di sviluppo