Anzio, visita di prestigio all’Osteria Villa Rugantino: arriva lo chef “5 stelle” Michelin, Igles Corelli

817

(MeridianaNotizie) Anzio, 9 gennaio 2023 – Volto storico del canale 412 di Sky con il suo programma “Il gusto di Igles”, lo chef pentastellato Michelin, Igles Corelli, ieri è andato a pranzare sul litorale romano con la sua famiglia, scegliendo Anzio per trascorrere una domenica in relax.

Maestro indiscusso della ristorazione italiana e volto noto di Gambero Rosso Channel, tra le tante location di prestigio della costa, non ha scelto un posto “Gourmet”, ma un’osteria a conduzione familiare che si trova in zona Villa Claudia: l’Osteria Villa Rugantino di via Tirreno, 13.

Ad accoglierlo, lo chef Maurizio Brugiatelli, che dopo anni di esperienza tra sala e cucina nei più noti ristoranti della capitale, poco più di 8 anni fa ha dato vita insieme a sua moglie “la sora Marina” e alle sue figlie ad una cucina giudaico romanesca che offre nel suo menù, fantastici piatti della cucina marinara e piatti dimenticati della tradizione della cucina italiana.

Una particolarità che non è passata inosservata al “5 stelle” Michelin, Igles Corelli, che per l’occassione, con la sua famiglia, ha voluto assaggiare alcune specialità della casa come la carciofona, le mazzancolle a vapore, la zuppa di cozze e fagioli, le alici marinate con le puntarelle ma anche la parmigiana di pesce, gli schiaffoni al ragù di cernia, polenta fritta con polpo e patate oltre al filetto di orata alle erbe. Per i dolci, lo chef ha scelto: la sbriciolata al caramello, il cannolo siciliano scomposto con amarene e il tiramisù d’orato.

“Tutto molto buono, non posso che complimentarmi con lo Chef Brugiatelli per le sue prelibatezze – ha commentato a fine pranzo Igles Corelli – Con mia moglie e mia figlia abbiamo passato una giornata in relax, in una location tipica del posto che abbiamo molto apprezzato al punto di pubblicare anche sui nostri canali social i piatti che ci sono stati serviti”.

“E’ stato un onore ospitare lo chef pentastellato Igles Corelli insieme alla sua splendida famiglia – ha aggiunto Maurizio Brugiatelli – Lo chef ha assaggiato i nostri piatti e ci ha fatto i complimenti apprezzando sapore e qualità nella scelta dei prodotti locali. Complimenti che conservo con una certa emozione. Servire uno dei più grandi chef italiani non capita tutti i giorni. Per l’occasione mi sono fatto autografare il suo libro che conservo gelosamente”.

La cucina di Igles è sempre stata caratterizzata dalla ricerca dei migliori prodotti che il nostro bellissimo paese produce. È stato il primo chef a introdurre il concetto di Cucina Circolare nelle edizioni del suo programma sul Gambero Rosso Channel, per descrivere la propria filosofia di rispetto dell’ingrediente. Nella cucina di Igles, come accade in natura, nulla viene trascurato o buttato, tutto viene trasformato, aiutato dalla tecnologia in cucina, di cui è sempre stato un fervente sostenitore.

Una mentalità o scuola di pensiero utilizzata anche dallo Chef Brugiatelli all’Osteria Villa Rugantino.

La storia di Igles Corelli

Igles arriva alla ribalta nazionale e internazionale tra gli anni ottanta e novanta, come chef dell’ormai mitico ristorante Il Trigabolo di Argenta, in provincia di Ferrara. Nei quattordici anni a capo della brigata di cucina, che ha poi prodotto molti chef di successo, raccoglie numerosi riconoscimenti, oltre all’assegnazione di due stelle dalla Guida Michelin, collocando il Trigabolo tra i primi ristoranti d’Italia del periodo e contribuendo all’avanzamento della cucina italiana con piatti considerati oggi storici. Nel 1996 Igles si sposta di pochi chilometri aprendo il proprio ristorante, La Locanda della Tamerice, immersa nelle valli di Ostellato. Nei successivi quattordici anni riceve nuovamente una stella Michelin e consolida la sua posizione di Maestro della Cucina Italiana. Dal 2010 al 2017 è stato l’executive chef del ristorante Atman, in provincia di Pistoia, dove il suo lavoro di ricerca e la sua passione per il servizio lo portano a ricevere riconoscimenti importanti, come l’assegnazione della stella Michelin. Igles è anche autore di dodici libri di cucina, tra i quali i più recenti “La caccia di Igles e dei suoi amici, e “Il Gusto di Igles”.

Articolo precedenteFORMAZIONE GIOVANILE: FIRMATO IL PROTOCOLLO D’INTESA TRA ALIS E RETE NAZIONALE ITS PER LA MOBILITA’ SOSTENIBILE
Articolo successivoSicurezza, Bruognolo-Santori (Lega): Una struttura per i giovani studenti costata 18 milioni in ostaggio del campo rom