Lanuvio la Polizia Locale rinviene oltre 70 targhe di autoveicoli

55

(MeridianaNotizie) Lanuvio, 7 gennaio 2023 – Nei giorni scorsi alla Polizia Locale di Lanuvio è stata segnalata la presenza di diverse targhe di veicoli in un fosso su via Petrara, nei pressi del depuratore. Immediato l’intervento degli uomini diretti dal comandante Sergio Ierace, che ha portato a rinvenire nascoste tra i rovi ben 79 targhe di veicoli, rimorchi, mezzi d’opera ed altro, sui quali si stanno facendo i dovuti accertamenti per capire se siano oggetto di furti o ricettazioni, oppure di riproduzioni eseguite per altri scopi, quali ad esempio l’elusione di sanzioni.

Il rinvenimento si pone nell’ambito di una più ampia attività di controllo dei veicoli sul territorio di Lanuvio che ha già portato a scoprire, grazie alle nuove apparecchiature Velox posizionate dal comune di Lanuvio sulla Nettunense, la presenza di diversi veicoli che transitano su tale arteria con targhe risultate rubate o contraffatte, sui quali, anche insieme alle altre forze di polizia del territorio, si sta indagando.

“Diversi sono gli occhi elettronici che usiamo sul territorio per il controllo della sicurezza a cui si aggiungono le diverse segnalazioni che giungono al comando di Lanuvio e che ci aiutano a riscontrare illeciti e fatti sociali da attenzionare. – ha commentato il Comandante della Polizia Locale lanuvina dott. Sergio Ierace. “Ringrazio tutti i cittadini che segnalano fornendo dati che contribuiscono alle indagini. Per ciò che concerne questo ultimo rinvenimento stiamo verificando se dette targhe siamo state apposte su veicoli che sono transitati sotto le telecamere Velox di Via Nettunense, oltre a verificare le telecamere sul territorio posizionate anche nei pressi del depuratore, al fine di approfondire l’accaduto, unitamente a ciò che dovesse risultare dalla consultazione delle banche dati circa le sigle alfanumeriche riprodotte da tali targhe.”

Articolo precedenteAriccia, lunedì 9 la chiusura della Mostra “Sensi Unici” e Tombola tattile
Articolo successivoLAZIO-EMPOLI. BIANCOCELESTI CHIAMATI A RECUPERARE CREDIBILITA’ DOPO LA BRUTTA FIGURA DI LECCE