REGIONALI LAZIO, AMBROGIANI(PD MARINO): “COALIZIONE CENTROSINISTRA E D’AMATO SCELTE VINCENTI”

23

REGIONALI LAZIO, AMBROGIANI(PD MARINO): “COALIZIONE CENTROSINISTRA E D’AMATO SCELTE VINCENTI”

 

“Come sapete, i prossimi 12 e 13 febbraio si tornerà a votare nella nostra regione per il rinnovo del consiglio regionale e del presidente. In questo contesto elettorale, il Partito Democratico si presenta all’interno di una coalizione forte e coesa, composta da otto liste: Terzo Polo, +Europa, Demos, Europa Verde, Psi, Radicali, Articolo 1, Sinistra Civica Ecologista, Pop, Repubblicani, Socialdemocratici e Volt. Sei liste di formazione politica e due di espressione civica, che sostengono la candidatura di Alessio D’Amato alla Presidenza della Regione Lazio. Questa coalizione di centrosinistra e il nostro candidato presidente faranno della concretezza, dell’impegno e del coraggio gli elementi fondamentali per la vittoria e per il conseguente buon governo. Concretezza, peraltro, dimostrata nei due anni di dura lotta contro il Covid da parte di D’Amato,da subito protagonista senza indugio nel predisporre un piano di vaccinazione adeguato alla gravità del caso – ognuno, ad esempio, aveva una data, un luogo, un vaccino – che unito al comune senso di responsabilità della stragrande maggioranza dei concittadini ci ha consentito di vincere per adesso la pandemia Covid 19. Un operato, quello di Alessio D’Amato, più in generale volto al miglioramento della sanità del Lazio e alla tutela dei diritti del paziente/cittadino. Per questa ragione, unitamente agli ottimi dieci anni di amministrazione Zingaretti, la nostra coalizione rappresenta l’unica alternativa di governo credibile, competente e davvero vicina alle esigenze di famiglie e imprese del Lazio”.

 

Così, in una nota, il segretario cittadino Pd Marino, Sergio Ambrogiani.

Articolo precedenteLanuvio si prepara ad accogliere la Befana
Articolo successivoSanità, Bruognolo (Lega): Intoppi nelle graduatorie del concorso per gli psicologi nel Lazio, come al solito a rimetterci sono i cittadini