V Congresso Nazionale UGL Salute “Costruiamo la sanità del futuro”

96

Giovedì 5 ottobre, alle ore 14.45, presso l’Hotel Antonella a Pomezia si terrà il Quinto Congresso Nazionale UGL Salute. Fra i temi al centro dell’evento: gli investimenti e le misure necessarie a rafforzare il Sistema Sanitario Nazionale, la salvaguardia dei livelli occupazionali e la tutela dei lavoratori.

Prenderanno parte al Congresso: Claudio Durigon, Sottosegretario al Ministero del Lavoro; Paola Frassinetti, Sottosegretario al Ministero dell’Istruzione e del Merito; Paolo Capone, Segretario Generale UGL; Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale UGL Salute; Fiovo Bitti, Dirigente confederale; Valerio Franceschini, Presidente segreteria congressuale federale; Ignazio Zullo, Membro della Commissione Affari Sociali, Sanità, Lavoro Pubblico e Privato e Previdenza Sociale del Senato; Salvatore Sallemi, Vicepresidente Gruppo FDI; Fabrizio Ghera, Assessore Mobilità, Trasporti, Tutela del Territorio, Ciclo dei Rifiuti, Demanio e Patrimonio della Regione Lazio; Alessia Savo, Consigliere Regione Lazio; Marco Bertucci, Consigliere Regione Lazio; Padre Virginio Bebber, Presidente Nazionale ARIS; Enrico Brizioli, responsabile nazionale AIOP– RSA; Barbara Mangiacavalli, Presidente Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche; Maurizio Zega, componente del Comitato Centrale della FNOPI e Presidente dell’OPI di Roma; Diego Catania, Vicepresidente Federazione Nazionale degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione; Livio Valvano, Direttore Generale Associazione Italiana Assistenza Spastici; Antonio Rebuzzi, Professore di Cardiologia Università Cattolica di Roma. Seguiranno, infine, gli interventi dei Segretari Confederali, Nazionali, Regionali e Provinciali dell’UGL.

Articolo precedenteSport: a Roma la “World triathlon cup” nella cornice del laghetto dell’Eur
Articolo successivoCongresso UGL Regione Umbria. Paolo Capone, Leader UGL: “Investire su sicurezza e politiche attive del lavoro”