Salute, pazienti: “Bpco malattia sotto diagnosticata, lotta fumo priorità”

0

(Adnkronos) – “È in costante aumento e si prevede che nel 2030 sarà una delle maggiori cause di morbilità e mortalità. Tuttavia, la Bpco è una patologia ancora oggi sotto diagnosticata e sottostimata. Il paziente non ha la consapevolezza della malattia e non ha un dialogo con il medico curante, con gli specialisti che possono e dovrebbero intercettare la Bpco nelle primissime fasi. Il consiglio è di non sottovalutare mai i sintomi e ricordarsi che è una malattia correlata al fumo. Non a caso la lotta al tabagismo resta una nostra priorità" soprattutto nella fascia di età di età over60. Lo dice all’Adnkronos Salute Salvatore D’Antonio, pneumologo, presidente dell'Associazione italiana pazienti Bpco (www.pazientibpco.it), che fa il punto sulla malattia in occasione della Giornata mondiale che si celebra il 16 novembre. (VIDEO) Per D’Antonio è importante “parlare  con il medico, riferirgli anche piccoli dettagli, se si rallenta nelle andature, se si impiega più tempo nel fare le scale, se salendo dal garage sono necessarie più soste. Ecco – sostiene – dopo che ci si è rivolti al medico, è bene eseguire un esame che misura il respiro (spirometria), controllare temperatura, pressione e glicemia. La spirometria è molto importante perché ci può dare un'indicazione dello stato di avanzamento della malattia”.  L'impatto della Bpco sulla vita del paziente “è drammatico – prosegue D’Antonio – Il paziente non dà importanza ai sintomi, rallenta fino a limitare le normali attività quotidiane. Se prima aveva una vita attiva, progressivamente comincia a non uscire di casa dove riduce i suoi movimenti nella stanza da letto. Ciò avviene soprattutto con i pazienti che devono far ricorso all'ossigenoterapia”.  Capitolo a parte, l’aderenza alla terapia. “Purtroppo, è molto scarsa – ammette il presidente dell’Associazione italiana pazienti con Bpco – Il primo anno le cure vengono interrotte autonomamente dal paziente. Inoltre, il paziente si ricorda delle pillole, ma i farmaci per la Bpco che hanno la possibilità di arrivare direttamente sui polmoni compromessi, e che quindi vengono assunti con degli erogatori particolari, vengono presi un po' come velleitari, che non hanno una particolare funzione. Eppure, sono farmaci importanti, frutto di ricerca e studi clinici”.   “Come associazione – la più importante dal punto di vista di malattia dell'apparato respiratorio – siamo al fianco dei pazienti. Nel 2017 abbiamo ottenuto una grande vittoria, ovvero il riconoscimento della Bpco come malattia di importanza sociale. È stata una battaglia che alla fine ha portato ad un successo”.   Il “nostro impegno è offrire informazioni e supporto ai pazienti. Nella lotta al fumo, sul nostro sito abbiamo pubblicato gli esercizi da fare contro il fumo, che possono essere eseguiti tranquillamente stando a casa. Inoltre, ai pazienti proponiamo corsi di riabilitazione respiratoria, di mindfulness e yoga” conclude.  —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Articolo precedenteDengue in Italia, misure anti-zanzara in eventi sportivi e zone umide: ecco la circolare
Articolo successivoA Rimini torna Beer&Food Attraction: aperta la call for startup