In scooter con armi da fuoco e un libro con l’esplosivo. Fermati due romani

470

(MeridianaNotizie) Roma, 3 luglio 2013 – Quando hanno visto i poliziotti fermi per un posto di controllo in via Casilina all’angolo con via delle due Torri, hanno iniziato a scappare. I due uomini, a bordo di uno prevenzione6_modscooter hanno così iniziato una rocambolesca fuga fino a quando, inseguiti dagli Agenti del Reparto Prevenzione Crimine, sono stati bloccati in via di Grotte Celoni vicino alla fermata del trenino. Identificati per D.A. e C.T., romani di 36 e 31 anni, da un primo controllo i poliziotti hanno accertato che entrambi avevano precedenti di Polizia. I poliziotti si sono insospettiti quando hanno notato sulla pedaliera del motoveicolo un borsone semirigido e decisi a controllarlo, il D.A. ha cercato di nasconderlo dicendo che all’interno non c’era nulla di importante.

Perquisita la borsa, i poliziotti hanno trovato, non solo  numerose armi da taglio tra cui coltelli e taglierini ma anche due simulacri di bomba a mano con  relativi inneschi e parti di arma da guerra. E’ sprevenzione7_modtata sequestrata anche una pistola giocattolo provvista di tappo rosso e riproducente una colt. All’interno del borsone è stato ritrovato anche un libro che, intagliato all’interno, nascondeva un panetto gelatinoso con una batteria per alimentare un circuito elettrico. A seguito del rinvenimento di questo materiale, è stato necessario far intervenire personale della squadra artificieri che ha provveduto a mettere in sicurezza quanto sequestrato.

Il rudimentale ordigno realizzato, in realtà è stato accertato essere inefficace in quanto privo della sostanza detonante. Accompagnati negli uffici del Commissariato Casilino Nuovo, i due uomini sono stati arrestati e dovranno rispondere del reato di detenzione di parti di arma da guerra. Le successive indagini hanno portato alla perquisizione delle abitazioni dei due fermati e, a casa del C.T., i poliziotti hanno trovato una pianta di marijuana. Proseguono le indagini per accertare eventuali altri complici e i motivi per i quali i due arrestati fossero in possesso di quanto sequestrato.

Altre videonews di Cronaca

Operazione Dealer, intestavano schede telefoniche fittizie poi usate per crimini. Sequestrate 4 società di telefonia

In Italia bollette più care rispetto all’Europa, da Federmanager ricetta per crescita energetica

Vegan Beauty, Loredana Cannata posa nuda come testimonial per gli animalisti

Articolo precedenteOperazione Dealer, intestavano schede telefoniche fittizie poi usate per crimini. Sequestrate 4 società di telefonia
Articolo successivo“La massoneria rivelata”, il gran maestro Pruneti svela i misteri dell’ordine