VIDEO > Studiare e lavorare all’estero? Se ne parla a Roma alla 3 giorni YIF

374

16 ambasciate straniere e decine di  associazioni giovanili illustreranno ai giovani inoccupati nuovi percorsi di studio e di lavoro anche fuori dall’Italia

(MeridianaNotizie) Roma, 8 ottobre 2013 – Al via la quinta edizione dello Young International Forum, tre giorni dedicati  ai giovani che vogliono costruire all’estero la propria carriera di studio o lavoro. L’evento nasce dalla necessità di avvicinare i giovani all’Estero e invertire una tendenza oramai nota: i ragazzi italiani sono pronti a lasciare l’Italia ma solo per necessità come conferma un sondaggio lanciato dal sito www.corriereuniv.it, al quale hanno risposto 500 studenti tra i 20 e i 35.

A parlarcene Mariano Berriola, presidente di Italia Orienta. “Allo YIF saranno presentate centinaia di offerte di studio e lavoro da oltre 20 Paesi di tutto il mondo – ha– abbiamo voluto creare uno spazio “open” dove far incontrare le competenze, le aspettative e le prospettive di chi partecipa. L’auspicio  è che anche quest’anno lo Yif trasmetta ai giovani il concetto che l’estero è quasi sempre un luogo nel quale crescere e arricchirsi di nuove esperienze, non uno spazio nel quale rifugiarsi dalle delusioni o difficoltà che si vivono nel proprio Paese. yif2

Allo Yif – ha concluso il Presidente –  distribuiamo ai ragazzi gli strumenti necessari per costruirsi una brillante carriera”. Ad accogliere i ragazzi anche 16 ambasciate straniere e decine di  associazioni giovanili che operano a sostegno della mobilità studentesca che illustreranno ai giovani inoccupati nuovi percorsi di studio e di lavoro anche fuori dall’Italia. Presente all’evento Carlo Flammà, presidente del Formez.

Il servizio di Mariacristina  Massaro

Altre videonews su Eventi:

VIDEO > Dal 12 ottobre il cinema asiatico sbarca a Testaccio con il Festival Asiatica

VIDEO > “¡Flamenco!”, i grandi interpreti infiammeranno il palco dell’Auditorium dal 10 al 13 ottobre

Concerto di Claudio Baglioni annullato, salta la data di Centocelle

Articolo precedente“Amm’a fare l’inchino al Giglio”, l’ordine di Schettino agli ufficiali della Concordia
Articolo successivoPer i morti di Lampedusa non c’è pace neanche in cimitero