Ardea, dipendenti de L’Igiene Urbana in sciopero: «Se la società è inadempiente, il Comune deve pagare noi»

0
847

(MeridianaNotizie) Ardea, 14 dicembre 2019 – E’ stata una giornata di sciopero quella di oggi per il personale della concessionaria comunale Igiene Urbana. Ancora una volta i dipendenti  sono costretti, loro malgrado, a sospendere le proprie attività per cercare di far rispettare i loro diritti.

In particolare i lavoratori lamentano il ritardo nel pagamento di alcuni stipendi arretrati e relative gratifiche: per questi motivi oggi dalle ore 09.30, hanno protestato il loro dissenso in  piazza del popolo ad Ardea per poi ritornare per l’ennesima volta a parlare con il sindaco Mario Savarese.

«In presenza dei continui ritardi delle competenze stipendiali dei lavoratori – fanno sapere dal sindacato della Fiadel – a dieci giorni dal Natale, non è stata percepita la 13esima mensilità , la 14esima, lo stipendio di novembre, l’imposta anno 2018 e quote economiche contrattuali, mai pagate».

Dopo diversi incontri con  l’amministrazione comunale, riconoscenti che la stessa abbia anticipato i pagamenti alla ditta da 60 a 30 giorni, stufi di una situazione che dura oramai da troppo tempo, i lavoratori fanno un’appello al primo cittadino.

«Chiediamo al Sindaco e all’amministrazione comunale – aggiungono dal sindacato – di rispettare l’art. 30 comma 6 del DLGS 50/2016. Tale articolo obbliga il Comune di pagare direttamente i dipendenti se la società è inadempiente in caso di ritardi nei pagamenti delle retribuzioni dovute al personale».

«L’obiettivo – concludono –  è quello  di vivere un Natale dignitoso come gran parte delle famiglie italiane».

In piazza, a sostegno dei lavoratori, era presente il consigliere comunale Luana Ludovici, che si è resa disponibile ad aiutare, si spera insieme a tutta l’amministrazione comunale, la richiesta dei lavoratori.

M.G.