25 aprile 2015, gli eventi a Roma per il 70esimo anniversario della Liberazione

0

Nel giorno del 70esimo anniversario della liberazione d’Italia, anche Roma si prepara a festeggiare, con una serie di eventi, il 25 aprile e la riconquista della libertà.

(MeridianaNotizie) Roma, 25 aprile, 2015 – Sabato 25 aprile Roma Capitale chiama la città a festeggiare il 70° anniversario della liberazione dal nazifascismo in piazza del Campidoglio dove, dalle 17 alle 20, si celebra “La storia più bella”, affidando il ricordo di quella libertà riconquistata direttamente alle parole dei protagonisti, alle immagini ed alla musica.

L’amministrazione capitolina ha deciso quest’anno di dedicare il 25 aprile a due personalità di grande importanza per la nostra città, italia libera 25 aprilerecentemente scomparse: Massimo Rendina, comandante partigiano e poi presidente dell’Anpi di Roma, ed Elio Toaff, partigiano e poi rabbino capo di Roma. Per questo saranno presenti le associazioni di partigiani e combattenti che hanno contribuito in prima persona alla liberazione. Al loro fianco il sindaco di Roma Ignazio Marino, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e Franco Marini, Presidente del Comitato Storico Scientifico per gli anniversari di interesse nazionale. Mentre per rendere ancora più viva la memoria di quel 25 aprile di 70 anni fa, sarà proiettato il documentario “Papaveri Rossi sulla strada per Roma” del giornalista della Rai Roberto Olla, ed altri filmati sulla resistenza e la liberazione.

L’iniziativa  coinvolge tutte le forze che si richiamano ai valori dell’antifascismo, della Resistenza e della Costituzione, in memoria di tutti coloro che hanno combattuto e sacrificato la propria vita per la democrazia, la libertà e la giustizia sociale: valori più che mai attuali per la nostra convivenza, anche a 70anni di distanza.

Gli interventi di carattere storico e istituzionale saranno accompagnati da momenti di spettacolo, come l’esibizione dei 100 bambini dell’Orchestra e Coro delle scuole medie G.G.Belli e I.C.Vicovaro, diretti dai maestri Marco Quaranta e Angelo Colone, e la performance dei ballerini dello Swing Circus, in collaborazione con Feel That Swing, Fusion Style e Sprit Moves.

Parteciperanno all’iniziativa anche i rappresentanti della Scuola Romana dei Fumetti, che distribuiranno ai cittadini una pubblicazione sulla Resistenza di Roma, realizzata per il Museo Storico della Liberazione di via Tasso dieci anni fa, ristampata oggi in duemila copie e distribuita gratuitamente. Presenti in piazza anche la presidente dell’Assemblea capitolina Valeria Baglio, l’assessore con delega ai Grandi Eventi Alessandra Cattoi e l’assessore con delega alla Memoria Paolo Masini, che hanno coordinato la preparazione dell’evento.

Ma gli eventi non si fermano qui perché  fino al 14 maggio rimarrà aperta al pubblico la mostra “Storie della Resistenza Italiana. Con uno sguardo sull’Europa resistente”, curata dall’Anpi e ospite presso la Sala Mostre della Casa della Memoria e della Storia. Un racconto della resistenza italiana ed europea per immagini, dall’inizio della Seconda Guerra Mondiale fino alla promulgazione della Costituzione, nel 1947.

In tema di musica e di danza invece, sabato 25 aprile, presso il teatro di Villa Torlonia si esibirà la Swing Valley Band nello spettacolo “Swing libera tutti” dove l’ingresso sarà gratuito ma con prenotazione obbligatoria telefonando allo 060608.

E, sempre per sabato 25 aprile, presso la Sala Sinopoli, è in programma “Libertà!” una maratona di storia, letteratura, cinema e musica sui temi della Liberazione. Sul palco saliranno, dalle 16 alle 19.30, gli storici Simona Colarizi e Emilio Gentile, per parlare del 25 aprile e di Resistenza e Liberazione; seguiti dal filosofo Giulio Giorello, che si focalizzerà sul concetto di “libertà”. Accompagnati dall’attrice Lunetta Savino, che eseguirà una serie di letture sempre sul tema della libertà, declinata al femminile. Infine, Alberto Crespi proporrà documentari sequenze tratte dai film che hanno raccontato la Resistenza e la Liberazione o che hanno come tema il concetto di “libertà”. Come “L’Agnese va a morire” di Giuliano Montaldo, “Roma città aperta” e “Paisà” di Roberto Rossellini, “L’uomo che verrà” di Giorgio Diritti, “Nell’anno del Signore” di Luigi Magni. Mentre dalle ore 21, sempre nella Sala Sinopoli, sarà la volta della musica, con il premio Oscar Nicola Piovani e la Roma Sinfonietta. All’interno del repertori sono previsti brani tratti da film come “La notte di San Lorenzo” di Paolo e Vittorio Taviani, “Ginger e Fred” e “La voce della Luna” di Federico Fellini, “La vita è bella” e “Pinocchio” di Roberto Benigni.

La Redazione

Share.

Comments are closed.