Il portale Roma&Più cambia veste, più visibilità turistica per i comuni della provincia

428

GUARDA IL VIDEO

(MeridianaNotizie) Roma, 10 luglio 2013 – Divenire un vero e proprio strumento di marketing per la promozione turistica del territorio, rivolto non solo al turismo di prossimità (i cittadini di Roma e provincia) ma anche a quello internazionale, integrare e arricchire i contenuti presenti, aprire collaborazioni con le amministrazioni locali, associazioni e imprese. Questi gli obiettivi della nuova versione del portale abi 2Roma&Più il cui lancio è previsto per il prossimo autunno. “Il lavoro attuale è quello di costruire una nuova pagina comunale, una redazione diffusa sul territorio”, ha spiegato Maurizio Apicella, direttore Sviluppo di Provinciattiva Spa. Importante novità del progetto è la nuova versione dell’APP per i-Phone e Android disponibile già da luglio.

Attraverso il nuovo brand Roma&Più, dunque, l’Amministrazione provinciale mette al centro i 121 Comuni che fanno parte del suo territorio nella convinzione che, tramite il potenziamento dell’offerta web applicata al sistema turistico e produttivo, si possano raggiungere risultati significativi in termini di visibilità. Per questo, per ogni Comune sarà realizzata una pagina dedicata con informazioni relative ad iniziative ed eventi, a monumenti, luoghi di pregio, alle eccellenze produttive del territorio. La nuova ‘pagina comunale’ sarà uno spazio web aperto all’interattività con gli utenti, mediante la redazione di strumenti partecipativi, e sarà estesa a soggetti istituzionali e di settore, come le associazioni culturali, le pro loco, le amministrazioni comunali, gli operatori.

Il servizio di Antonella D’Angelo

Altre videonews su Cultura:

Parmitano va a “fare due passi”, è il primo italiano a spasso nello spazio

Al Mart lo sguardo “inumano” di Antonello Da Messina unisce il rinascimento all’arte contemporanea

Una stella per Bocelli, astronomi decidano un astro al cantante cieco

Articolo precedente‘Lazio a la carte… Paris à table’, l’agroalimentare laziale alla conquista del mercato francese
Articolo successivoParmitano chiama Bambino Gesu, i piccoli pazienti intervistano l’astronauta italiano