L’importanza di depurare il nostro corpo – la fase “detox”

107

Dopo le cene, i pranzi di Natale e Capodanno, è importante detossinare il nostro organismo

– articolo di Antonella Palmieri (Estetista Specializzata, Naturopata, Docente nei corsi di Formazione Professionale per Operatori del Benessere del Comune di Roma)

Salute&Benessere

(Meridiananotizie) Ardea, 9 gennaio 2022 – “L’epifania tutte le feste porta via” ma quello che solitamente rimane sono i chili di troppo e l’appesantimento del nostro organismo cui abbiamo chiesto di fare gli straordinari. Un appesantimento non solo sotto il profilo di uno strato adiposo che si deposita, prevalentemente, negli uomini, nella zona addominale; nella donna, anche nella zona trocanterica (fianchi, glutei e cosce); ma anche sotto il profilo, prettamente, salutistico, per cui i nostri organi principali, ne soffrono: intestino, reni, fegato, ecc..

Ecco che dopo un periodo di stravizi culinari, occorre fare un “tagliando” alla nostra “macchina” biologica per depurarla e renderla efficiente al meglio. Il nostro organismo ha la capacità di rigenerarsi se lo trattiamo nel rispetto della sua natura.

Perché è importante depurare l’organismo?

E’ importante depurare il nostro corpo se vogliamo stare in salute. L’essere umano è un insieme indivisibile di apparati e sistemi che sono in continua comunicazione tra loro e la loro corretta funzionalità dipende dai nutrimenti che questi ricevono e sono in gradi di smaltire (scorie), una volta utilizzate le risorse necessarie per mantenere in vita ed in modo efficiente l’intero organismo. La qualità degli elementi che ingeriamo, sotto forma di sostanze gassose (aria), liquide e solide, determinano il giusto funzionamento del nostro organismo e in particolare quando dobbiamo disintossicare il nostro corpo, magari dopo un periodo come quello appena trascorso delle festività natalizie, dobbiamo osservare una depurazione che tenga in considerazione quanto segue:
Passeggiare e respirare all’aria aperta per ossigenare i polmoni e di conseguenza il sangue;
Mangiare cibi disintossicanti, quali ad esempio la lattuga, sedano, spinaci, cicoria, bieta che sono ricche di clorofilla e disintossicano dai metalli pesanti. Le crucifere come cavolo, cavolfiore, verza, cime di rapa, broccoli sono ricche di vitamine e disintossicano dalle tossine in generale. Barbabietole, carote, rucola, spinaci, ecc. per aiutare la depurazione del fegato. Il carciofo, che stimola la produzione di bile facilitando cosi’ la digestione dei grassi e aiuta reni e fegato nello smaltimento delle tossine. Limone, pompelmo, frutti di bosco, ricchi di vitamine e antiossidanti. L’avocado ricco di antiossidanti e acidi grassi omega-3 per espellere tossine e combattere i radicali liberi, ecc. ecc.
Fornire nutrienti il più possibile naturali finalizzati alla funzione di nutrizione la quale, ed innanzitutto è condizionata dagli alimenti (aria e cibo) e dal sistema della funzione digerente che, oltre a vedere interessato il processo di assorbimento, vede cointeressato anche il processo di eliminazione in quanto non può esserci nutrizione senza eliminazione. Possiamo dire che la nostra salute e’ il risultato di ciò di cui ci nutriamo. Ippocrate insegna: che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo.
Rinforziamo le nostre difese immunitarie
Disintossichiamo il motore (intestino) per vivere in equilibrio
– Prendiamo coscienza che il sangue e la linfa, hanno un’azione di carico e scarico: il sangue alimentato da una pompa, il cuore, fa arrivare ad ogni nostra piccola parte del corpo i nutrimenti necessari ad ogni cellula; la linfa, invece, che ha un’azione solo di ritorno, quindi di scarico delle impurità (scarti) e di difesa da agenti patogeni, non ha una pompa che l’aziona e per favorire la sua circolazione, ha bisogno delle contrazioni muscolari che iniziano dal semplice respiro (dilatazione toracica e addominale) e meglio ancora con un costante e continuativo movimento fisico (attività aerobica). In particolare, in quest’ultimo caso, evitare l’attività fisica determina un affollamento degli scarti nel sistema linfatico che non permettono il flusso e la corretta eliminazione attraverso le stazioni linfatiche.

Le tossine, cosa sono?

Le tossine esogene, endogene sono materiali di scarto dei processi metabolici del nostro organismo e possono anche provenire attraverso un’alimentazione scorretta. Tipo i pranzi e le cene delle feste appena trascorse o peggio ancora se abituali, miscelazioni ed associazioni di cibo suggerite dall’arte culinaria che rendono i cibi troppo elaborati e per questo piu’ difficili da smaltire. Non meno importante la purezza della qualità e specie di cibo. Le tossine vengono smaltite attraverso organi come fegato, reni, e intestino, ma anche attraverso l’apparato respiratorio e la stessa pelle. Un loro eccesso può causare gonfiori, stanchezza, emicranie, irritazioni gastrointestinali ed eruzioni cutanee.

Cosa accade ad un organismo intossicato?

Quando un organismo e’ intossicato e gli organi emuntori fanno fatica ad eliminare, insorgono problematiche di stasi linfatica, ritenzione di liquidi, gonfiore, bisogna quindi drenare, sfiammare. Stanchezza, fatica, mal di testa, dolori articolari, difficoltà di concentrazione e sonnolenza sono altri sintomi che si possono avvertire. Più si e’ sovraccaricati di tossine accumulate nei tessuti e più si induce il corpo a maggior lavoro per eliminarle. E’ utile organizzare un “programma detox” personalizzato, iniziare la giornata con acqua tiepida e limone, eliminare alcolici e bevande gassate e terminare la giornata con tisane.

Stile di vita sano

Innanzi tutto è da evidenziare l’importanza di avere un atteggiamento mentale positivo, quindi essere ottimisti e positivi. Lo sviluppo delle Neuroscienze, attraverso la psico-neuro-endocrino-immunologia (PNEI) disciplina che studia le relazioni ad occuparsi non solo degli ambienti biologici del sapere, ma anche aspetti culturali interdipendenti, per un approccio olistico con la persona, soprattutto a chi tiene al proprio benessere e capisce che star bene è un gioco di equilibri psicofisici. Quindi il Benessere passa anche attraverso l’ambiente in cui lavoriamo, in cui viviamo, è fondamentale per la nostra serenità e produttività. Il benessere e’ una buona alimentazione che da più energia e serenità. Una cattiva alimentazione può causare cancro, malattie cardiovascolari, obesità, osteoporosi, diabete, ipertensione ecc.. Aiutarsi con il movimento, evitare di fare una vita sedentaria perché attraverso il movimento promuoviamo la circolazione sanguigna e linfatica, eliminiamo tossine attraverso l’organo pelle e attiviamo endorfine ed encefaline che sono ormoni del piacere e benessere. Insomma, volersi bene e prendersi cura di se stessi in primis ed espandere ad altri uno stile di vita corretto.

Prodotti “detox” 100% naturali

Ci sono modi naturali per depurare il corpo dalle tossine e bere, semplicemente, acqua tiepida e limone la mattina, fare dei centrifugati di verdura o frutta, mangiare verdure, erbe e alghe, legumi e cereali e meno carne è già un buon comportamento salutistico. Ma i soli alimenti vegetali e di natura animale oggi hanno perso i loro principi attivi per effetto di una coltivazione agricola ed un allevamento, troppo standardizzato e poco naturale, per cui c’è necessità di integrare la propria alimentazione quotidiana con integratori alimentari non di sintesi ma naturali al 100%. In commercio ce ne sono diversi sul mercato basta cercare e soprattutto non farsi incantare dall’involucro della confezione ma leggere attentamente la scheda del prodotto e come è composto e confezionato…E in questo caso, è utile anche consultarsi con un professionista, dietista, nutrizionista, medico, che ci può aiutare a capire come e se un prodotto è naturale al 100%.
——————————–

Leggi gli altri articoli di Salute & Benessere di Antonella Palmieri…

 

 

 

 

 

Articolo precedenteIntitolazione Stadio Olimpico a Paolo Rossi, Matone: “Propongo referendum tra tifosi Roma e Lazio”
Articolo successivoSerie A. Inter-Lazio. Partita sulla carta proibitiva per i biancocelesti ma…