Serie A. Lazio-Roma. Nella Capitale è già Derby…

45

(Meridiananotizie) Roma, 26 settembre 2021 – Siamo alla sesta di campionato ed è già derby per le due squadre romane che si contenderanno allo stadio Olimpico della Capitale nel tardo pomeriggio di oggi, alle ore 18:00, la stracittadina, unica al mondo e che regala sempre grandi emozioni di colori e scenografie grazie alla fantasia e alla passione dei tifosi romani.

E la sfida tra Lazio e Roma inizierà già sugli spalti, prima del fischio d’inizio dell’arbitro Guida, dove le due curve daranno spettacolo sfoggiando le loro migliori scenografie accompagnate dallo sventolio di sciarpe, bandiere colorate, da una parte tinte di biancoeleste e dall’altra, giallorosse. A fare da colonna sonora, s’innalzeranno alti i cori delle due tifoserie a sostenere ognuno i propri beniamini in campo.

La Lazio arriva a questa gara a seguito di una prova insufficiente contro un buon Torino ma dove è riuscita in extremis a salvarsi, grazie a Muriqi che si procura un rigore al 90°, trasformato con molta freddezza da Immobile, dopo una gara giocata sotto i fischi dei suoi ex tifosi granata (clicca qui);

La Roma arriva al derby un po’ meglio, con quattro punti in più in classifica rispetto alla Lazio e solo perché ha avuto ragione su un’Udinese brillante e sfortunata giovedì scorso che avrebbe meritato, almeno, un pari. C’è da dire che anche nelle precedenti gare non è che i giallorossi abbiano eccelso, tutt’altro, la dea bendata c’ha messo del suo.

E se la Roma arriva a giocarsi la stracittadina con un leggero vantaggio sulla carta, dettato più da una condizione psicologica ed emotiva favorevole che da un gioco irresistibile, avendo quattro lunghezze di distanza dai biancocelesti, la Lazio da parte sa che può avere dalla sua il fattore campo con due terzi dei tifosi sugli spalti a tifare per lei e che possono rappresentare, per coloro che Mister Sarri farà scendere in campo, quella spinta emotiva in più per tirare fuori loro tutte le energie che hanno in corpo per tentare di aggiudicarsi la stracittadina.

In questa gara chi rischia di più è, sicuramente, la Lazio che è in ritardo in classifica rispetto ai giallorossi. Ma oggi ci vuole coraggio e i ragazzi di Mister Sarri, che ritrova la panchina dopo aver scontato due turni di squalifica per i fatti di Milano, dovranno scrollarsi da dosso timori e incertezze ed andare subito ad aggredire alti l’avversario con una squadra corta, raccolta in pochi metri e facendo attenzione a non lasciare spazi ai contropiedi veloci dei ragazzi di Mister Mourinho.

Sarà una gara importante, sopratutto per i biancocelesti che con una vittoria si potrebbero rilanciare in campionato e che potrebbero migliorare di molto lo stato psicoemotivo, utile per le prossime gare che l’aspettano in coppa (30/09/2021 Lazio-Lokomotiv Mosca): dove deve assolutamente vincere per non compromettere il percorso in Europa League; e in campionato, dove deve continuare il suo processo di crescita.

Le dichiarazioni degli allenatori nel pre-gara

Sarri –Con una buona prestazione abbiamo più possibilità di fare risultato. Non è una partita normale, è una delle partite più importanti d’Europa. E’ un onore giocarla, tutti da bambini vedendo Lazio-Roma sognava un giorno di poterla giocare. Ci siamo, giochiamola. Che la partita di Milano abbia lasciato qualche scoria è plausibile, può darsi che qualcosa dentro può essersi rotto. Io se dovessi dirti che li vedo spenti ti direi una bugia, c’è qualcosa che ci impedisce di esprimerci al 100%. Dobbiamo migliorare in tutto, può darsi che sia un percorso. I giocatori sono più propensi al movimento che devono fare e non al gioco, non è la playstation ma è calcio vero. E’ un percorso difficile, soprattutto per il gioco collettivo che vogliamo fare noi.

I ragazzi devono avere delle consapevolezze. La Lazio ha fatto 8 punti in 5 partite in cui è sotto nel risultato. La Lazio l’anno scorso aveva una media di 8,5 punti, ne abbiamo fatti 8. Questo negativo che sento aleggiare, lo vedo eccessivo. Devono avere la consapevolezza che hanno delle doti. Non è che io posso fare scelte in relazione agli avversari. Non sono un tattico. Lavoro per strategia. Noi cercheremo di fare il nostro calcio, andiamo avanti per la nostra strada. Luis Alberto come succede a molti giocatori può giocare qualche partita anche sottotono. Non penso che negli anni passati gli sia stato chiesto di non difendere.”

Gli attaccanti esterni devono giocare più vicino, devono giocare più senza palla. Nell’attacco in area di rigore Pedro ha qualcosa in più. Uno potenzialmente forte come Felipe Anderson non l’ho mai allenato. Deve lavorare sulla convinzione, Felipe potrebbe essere davvero un crack a livello internazionale. Questa è una partita che mi intriga moltissimo, poter dare una soddisfazione ai laziali sarebbe grandioso. La più grande pressione per una partita io l’ho provata in un derby di Serie C, la pressione mediatica non corrisponde a quella interna. Questa è una partita che qualcosa dentro ti muove, lo senti che è qualcosa di più. Sarebbe bello giocarla al 110% delle sue possibilità. Guardare le esperienze passate e sperare che possano ripetersi è un errore, le evoluzioni che può avere una squadra non sono replicabili. Spero sia così, ma spero che la scintilla scatti stasera. Domani può essere tardi.”

Mourinho –Un privilegio giocare Lazio-Roma. Il derby è bello da giocare e da preparare. Mi aspetto che la squadra giochi per vincere, ma sappiamo di non poterlo fare sempre. Dall’altra parte c’è una squadra con le stesse nostre ambizioni.

La rivalità mi piace ed è un privilegio giocare un altro derby e capire cosa è realmente questa sfida. Detto questo voglio che ci sia più ambizione degli avversari, ma quando non riusciamo a vincere voglio comunque uscire dal campo con la sensazione che i ragazzi hanno dato tutto.”

L’atteggiamento della squadra sarà volto alla vittoria e tutto l’ambiente, tifosi compresi, è concentrato al 100% sulla sfida. Parlare poco e giocare tanto. Avere Pellegrini, sarebbe stato molto importante perché uno della sua tecnica e della sua leadership è difficile da sostituire ma la colpa, rimarca Mourinho, è dell’errata valutazione fatta dall’arbitro contro l’Udinese.

Le probabili formazioni

Lazio (4-3-3): Reina; Lazzari, Luiz Felipe, Acerbi, Hysaj; Milinkovic-Savic, Lucas Leiva, Luis Alberto; Pedro, Immobile, Felipe Anderson

All: Maurizio Sarri

Roma (4-2-3-1): Rui Patricio; Karsdorp, Mancini, Ibanez, Vina; Cristante, Veretout; Zaniolo, Mkhitaryan, El Shaarawy,; Abraham

All: José Mourinho

La squadra arbitrale, VAR e AVAR

Arbitro: Guida
Assistenti di linea: Meli – Peretti
IV Uomo: Di Bello
VAR: Irrati
AVAR: Longo

Dove vedere la diretta TV e in Streaming

Il derby sarà trasmesso in esclusiva su Dazn, non c’è quindi copertura televisiva su Sky. La piattaforma streaming è accessibile in TV tramite Smart TV oppure sui dispositivi mobile tramite l’app dedicata.

  • articolo di Massimo Catalucci

———————————

Altri articoli scritti da Massimo Catalucci dei Campionati della S.S. Lazio – Stagione 2021/2022: Serie A e Coppe 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteRoma, Maritato(Lega): “Propaganda Raggi’: Roma futura in mostra ai capitolini”
Articolo successivoRai, Unomattina e TG1, Il sindacato chiede una line