Vaccini e Covid-19. ADE, acronimo di “Antibody-Dependent Enhancement”…ma ADE, nella mitologia greco-romana, era anche il dio delle ombre e dei morti. Inquietante!!!

2758

(Meridinananotizie) Ardea, 22 luglio 2021 – “Attenzione che questa sigla (ADE) è anche inquietante per noi italiani perché è il nome dell’oltretomba greco/romano.” Una nota di colore, la definisce il Dott. Massimo Citro in una video intervista apparsa su un’emittente privata (clicca qui).

Il Dott. Massimo Citro, già di recente, qualche mese fa, dichiarava che la pandemia che oramai ha preso “possesso” delle prime pagine dei giornali e delle nostra quotidianità, è la “più grande farsa della storia messa in atto per instaurare un regime mondiale.

Affermazioni pesanti e dirette, quelle del Dott. Citro che, sicuramente, faranno reagire in maniera diversa chi lo considera un visionario e chi invece lo considera un professionista attendibile.

Ma chi è il Dott. Massimo Citro?

E’ medico e psicanalista a Torino. Dottore in Medicina e Chirurgia, Dottore in Lettere Classiche a indirizzo storico, specialista in Psicoterapia. Inoltre, è autore di saggi letterari e scientifici e ricercatore scientifico e scopritore del TFF (Trasferimento Farmacologico Frequenziale).

Dirige l’IDRAS, “Istituto Di Ricerca Alberto Sorti“, ovvero, un’Associazione non a scopo di lucro che si autofinanzia e vive di donazioni, con finalità di ricerca scientifica in campo biofisico: lo studio di segnali di natura non molecolare e delle loro interazioni con la materia. All’interno dell’Istituto operano ricercatori volontari, con lo scopo principale di proseguire e approfondire le ricerche inerenti alla scoperta effettuata dal gruppo nel 1990: il Trasferimento Farmacologico Frequenziale (TFF), si tratterebbe della possibilità di “trasferire a un sistema vivente, attraverso circuiti elettronici, le proprietà farmacologiche di molte sostanze.

I vaccini, sono del tutto inutili – prosegue nella video intervista il Dott. Citro – lo dice la letteratura e l’esperienza sul campo, oltre che il buonsenso. Certo che se terrorizziamo la gente con questa paura mediatica, certo che tutti corrono a vaccinarsi. Ma il rischio più importante è questo ‘potenziamento dipendente dall’anticorpo‘, in inglese, ‘Antibody-Dependent Enhancement’ (ADE).

I Virus che si chiamano a Rna a catena singola come i coronavirus – aggiunge il Dott. Citro – sono soggetti ad un rischio di ADE altissimo per loro stessa natura. Perché sono virus che formano ‘quasi specie‘, quindi sono mutazioni continue che la natura fa per adattarli all’ambiente per creare una nuova specie virale…è un loro modo di essere. E questo vale per tutti i Coronavirus, il Sars-Cov-1, MERS, Dengue, Ebola, HIV, ecc.. A questo punto – sottolinea il Dott. Citro –  visto che l’HIV (AIDS), esiste da circa 40 anni, e che è ben più pericoloso dell’attuale infezione e che ha fatto milioni di morti e continua a fare milioni di morti, come mai non siamo ancora riusciti in 40 anni a fare un vaccino? Come mai non abbiamo ancora un vaccino per la Sars?

E’ inquietante quanto dichiarato dal Dott. Citro, per molti aspetti: il primo, quello citato all’inizio che, casualmente, vede la sigla ADE essere il nome dell’oltretomba nella mitologia greco/romana; l’altro, quello relativo all’ADE, Antibody-Dependent Enhancement, inteso come acronimo scientifico; spostano l’attenzione (è inevitabile ascoltando e leggendo quello che lui stesso afferma) su qualcosa di diverso e che non può non far riaffiorare, quanto già letto in alcune circostanze e che fa riferimento alla distorsione della realtà che stiamo vivendo e di cui non se ne capisce la motivazione, ma per la quale la si può solo supporre.

Ora, immaginiamo che i sostenitori del vaccino e coloro che non credono che alcuni eventi o situazioni siano manipolati in segreto dietro le quinte da potenti forze con l’intento di nuocere a chicchessia, grideranno che la distorsione della realtà è solo frutto di “fake news”.

Bene, la nostra predisposizione al dialogo accetta le voci del dissenso e proprio per  questo, abbiamo una visione della realtà a 360° e siamo convinti che, anche l’attento lettore propenso sempre a cercare “fake” in ogni dove, potrebbe (il condizionale è d’obbligo) essere anch’esso frutto di cospirazioni create “ad hoc”.

Detto ciò, non vogliamo affermare che non esistano “fake news”, sia in rete che nella carta stampata, così come nei tv e radio giornali, ma anche nel mondo della politica di tutti i giorni. Tutt’altro!!!

E proprio perché ci piace informare con una panoramica molto ampia, mettiamo nella condizione il lettore di farsi una propria opinione, riportando le voci del dissenso in un contesto collettivo dove i media, in particolare quelli nazionali ed internazionali, veicolano solo informazioni in un’unica direzione. Questo modo di fare informazione, crediamo sia il modo migliore per rendere libera una persona che può scegliere, a questo punto, cosa credere o non credere in merito a tutto quanto le viene proposto attraverso i mezzi di informazione. Inoltre, oggi la rete offre a tutti noi la possibilità di fare una ricerca personale sulla base, sempre, delle informazioni che riceviamo.

Per chi volesse visionare la video intervista integrale al Dott. Massimo Citro, di cui abbiamo riportato in questo articolo dei frammenti, può cliccare su questo link.

  • articolo di Massimo Catalucci

——————————————-

Qui sotto trovi altri articoli inerenti l’argomento qui trattato, scritti da Massimo Catalucci, clicca sul titolo per leggerli:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteVino. Andrea Sartori (Presidente Casa Vinicola Sartori): “Filiera vitivinicola può vincere la sfida della ripartenza, bisogna difendersi dall’Italian sounding”
Articolo successivoPiano Estate Scuola: Progetto per i bimbi di via Tanaro ad Ardea