Serie A. Atalanta-Lazio 2-2. I biancocelesti sfiorano il colpaccio e Immobile entra nella storia e raggiunge il mitico Piola

42

Lazio due volte in vantaggio ed Atalanta che pareggia i conti nei recuperi del primo e secondo tempo…Ma che partita!!!

(Meridiananotizie) Bergamo, 30 ottobre 2021 – Grande prova dei ragazzi di Mister Sarri che a Bergamo danno dimostrazione di maturità e sfiorano il colpaccio che sarebbe stato anche meritato, visto le azioni da gol avute nel secondo tempo con Roul Moro e Immobile.

Immobile con questa ennesima rete, sale a 9 gol nella classifica dei marcatori di Serie A ma, contemporaneamente, cosa ancora più esaltante, entra nella storia della Lazio perché raggiunge il mitico Piola tra i marcatori bianccoelesti più prolifichi di sempre (159 reti)…e non finisce qui!!!

Il sacrificio di tutti i ragazzi di Mister Sarri, oggi è stato tangibile e nessuno si è risparmiato. Forse, un po’ in ombra Felipe Anderson che se non trova spazi rischia di fare una prova incolore (sempre in rapporto delle sue alte qualità con cui si confrontano le sue prestazioni).

A sorpresa, Mister Sarri, pur sapendo che questa sarebbe stata una partita molto fisica, ha mandato in campo dai primi minuti Luis Alberto che ha ripagato il suo tecnico con un’ottima prestazione; così come quella di quel ragazzo nato e cresciuto nel vivaio laziale, Cataldi, a cui il Mister biancoceleste ha dato fiducia (sta dando fiducia) e con ragione l’aquilotto ha fatto una prestazione eccellente, in un campo, per niente facile. Bravo Danilo, continua così che il centrocampo laziale è tuo!!!

Rimane il rammarico per non aver portato a casa i tre punti ma la prestazione di oggi, fa ben sperare per il proseguimento di questa stagione. Chi sperava che ci fosse una spaccatura nello spogliatoio binacoceleste (parliamo dei criticoni a prescindere che si esaltano con poco e con altrettanto poco si deprimono e sputano di tutto sulla squadra), oggi ha avuto la prova che Luis Alberto non è un problema, che Cataldi se continua così può essere il degno erede di Leiva a centrocampo e che se si dà tempo a Mister Sarri di lavorare, vedremo presto una Lazio da grandi palcoscenici.

Ed ora, archiviata questa gara, si pensa subito a giovedì prossimo, quando la Lazio volerà in Francia per la gara di ritorno del girone E di Europa League, contro l’Olympique Marsiglia, nella città omonima capoluogo nella regione “Provenzale”.

Altra gara, questa, che fa presagire ad un’altra battaglia…La Lazio troverà, sicuramente,  una tifoseria locale molto accesa che trasformerà lo stadio in una “bolgia”. Ma i biancocelesti devono ripartire dalle due ultime belle prove contro Fiorentina e Atalanta, appunto e mettere in campo determinazione, continuità, compattezza, umiltà e impegno…per il resto gli uomini da un punto di vista tecnico e tattico, abbiamo visto che Mister Sarri li ha tutti a disposizione e soprattutto, li ha tutti con Sé…e quest’ultimo aspetto è una bellissima notizia.

Le dichiarazioni degli allenatori nel post-gara

Gasperini – Sono soddisfatto, possiamo fare questo e l’abbiamo fatto bene, qualche errore tecnico ci è costato caro, ma siamo stati bravi a crederci fino alla fine. Speravo potessimo fare meglio nella ripresa, ma la Lazio è una grande squadra. Siamo in grado di fare il nostro campionato anche quest’anno. Noi giochiamo sempre per trovare le soluzioni per vincere le partite, ho avuto la possibilità di fare sostituzioni in attacco in quest’ottica, ma abbiamo perso cattiveria nell’arco del match. Zapata ha fatto bene su tutto il fronte offensivo, non è la prima volta che si defila a destra come in occasione del gol dell’1-1, abbiamo voluto variare il tema dell’attacco. Abbiamo avuto tante situazioni che abbiamo sprecato per poca precisione nell’ultimo passaggio, ci è mancata la qualità che ci avrebbe permesso di essere rincorsi anziché rincorrere. De Roon? Fantastico, sta crescendo in un ruolo che fino ad oggi non era mai stato suo“.

Sarri – “Luis Alberto ha fatto una partita seria da centrocampista serio, buona partecipazione difensiva, comincia a metterci quel po’ di qualità in più che lui ha rispetto agli altri. Quel gol finale lascia l’amaro in bocca perché la partita sembrava vinta, ma episodi del genere fanno parte del calcio. Siamo stati un pizzico sfortunati, avevamo legittimato nella ripresa il nostro vantaggio, c’è amarezza per il risultato, ma abbiamo fatto un passo avanti nella prestazione e nel carattere. Cataldi ha buone qualità tecniche, buone capacità di palleggio, è dinamico e dunque utile in fase difensiva, si sta abituando a questa sua posizione. Immobile è un generoso che sa stare dentro la partita per tutte le azioni della stessa, è un giocatore che per un difensore è difficile da gestire, si mette a disposizione completa della squadra anche in fase difensiva spesso addirittura esagerando”.

Il tabellino della gara

ATALANTA-LAZIO 2-2

ATALANTA (3-4-2-1): Musso; De Roon, Demiral, Lovato (22° st Scalvini); Zappacosta (38° st Piccoli), Koopmeiners, Freuler, Maehle; Pasalic (14° st Malinovskyi), Ilicic (22° st Muriel); Zapata.

A disposizione: Miranchuk, Pezzella, Rossi, Sportiello.

Allenatore: Gasperini.

LAZIO (4-3-3): Reina; Marusic, Acerbi, Luiz Felipe, Hysaj; S. Milinkovic, Cataldi (31° st Leiva), L. Alberto (24° st Basic); Anderson (31° st Moro), Immobile (39° st Muriqi), Pedro.

A disposizione: Adamonis, Akpa Akpro, Escalante, Lazzari, Patric, Radu, Romero, Strakosha.

Allenatore: Sarri.

ARBITRO: Guida di Torre Annunziata

MARCATORI: 18° pt Pedro (L), 46° pt Zapata (A), 28° st Immobile (L), 48° st De Roon (A).

NOTE:

Ammoniti: Demiral (A); Luiz Felipe, Reina, Leiva (L).

Recupero: 1′ pt e 4′ st.

  • articolo di Massimo Catalucci 

———————————————-

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteOstia, lotta dei carabinieri allo smercio di droga: 6 persone arrestate
Articolo successivoFiumicino, Magionese e Zorzi: “Gaetano Macera, un artista amato da tutta Palidoro”