Serie A. Lazio-Empoli. Riparte il campionato, squadre decimate dal Covid-19

41

Immobile e Pedro, una coppia vincente. Nessuno come loro in serie A

– articolo di Massimo Catalucci

 

(Meridiananotizie) Roma, 6 gennaio 2022 – Oggi, la Lazio tornerà in campo allo stadio Olimpico della Capitale per la prima gara del girone di ritorno del massimo campionato di calcio italiano. Orario insolito, quello programmato per il calcio d’inizio. Si comincia alle ore 14:30 e questo orario ci riporta indietro nel tempo, all’epoca di “tutto il calcio minuto per minuto” degli Enrico Ameri, Sandro Ciotti e molti altri giornalisti, inviati sportivi, che da tutti i campi ci raccontavano le radiocronache delle partite. E noi, dotati delle nostre “radioline” a transistor, ascoltavamo trasportati emotivamente dalle loro voci inconfondibili e rigorosamente, solo di domenica, minuto per minuto, il carosello dei collegamenti da tutti i campi di calcio della serie A. Chi ha la mia età (59 anni), ricorderà quando attendevamo il collegamento della nostra squadra del cuore o speravamo nell’intervento da parte del radiocronista che seguiva la Lazio, per interrompere la trasmissione da altri campi, con notizie liete che ansiosamente attendevamo: attenzione, attenzione – annunciò il 12/05/1974 in una radiocronaca Enrico Ameri – c’è un calcio di rigore. Scusa Ciotti se ti interrompo, c’è un calcio di rigore in favore della Lazio“. Era la penultima gara di serie A e Giorgio Chinaglia si apprestava a mettere la palla sul dischetto bianco dell’area foggiana per calciare il rigore che avrebbe assegnato il primo scudetto della S.S. Lazio del passionale Presidente Umberto Lenzini e del tecnico biancoceleste, il Maestro Tommaso Maestrelli.

Bei tempi, quando il calcio era ancora passione, sudore, odore di grasso sugli scarpini e del caffè borghetti sugli spalti degli stadi. Un calcio passionale meno ricco di oggi ma che era più vicino a qualcosa che ha a che fare con lo sport e poco, quasi nulla, con il marketing, i bilanci societari, la borsa cui sono concentrate maggiormente le attuali società di calcio professionistiche.

Scuserete il mio sentimentalismo ma, leggere l’orario della gara di oggi non poteva non riportarmi indietro nel tempo a rivivere quelle domeniche sportive pomeridiane, dove tutte le squadre iniziavano in contemporanea e non c’erano posticipi, né anticipi.

Lazio-Empoli 

Chi lo avrebbe immaginato che alla prima gara del girone di ritorno, Lazio e Empoli si sarebbero trovate una dietro l’altra in classifica, rispettivamente a 31 e 27 punti. La squadra toscana di Andreazzoli esprime un bel calcio e i biancocelesti oggi dovranno fare molta attenzione anche se, è inevitabile ci sarà una netta differenza di valori in campo, dove Mister Sarri può godere di una maggiore qualità dei propri giocatori.

Immobile e Pedro, stanno facendo ottimi numeri, sono la coppia più prolifica del campionato, peccato che la Lazio abbia lasciato per strada nel girone d’andata, troppi punti che avrebbe potuto accumulare con un po’ più di concentrazione e convinzione nei propri mezzi. Ma Mister Sarri, lo aveva detto che sarebbe stato un anno di transizione e di assestamento, oltre che di acquisizione dei nuovi schemi di gioco. Auguriamo a lui e a tutto l’ambiente Lazio, di partire sin d’oggi con il piede giusto e fare un girone di ritorno all’altezza del suo potenziale.

Per quanto riguarda la disponibilità dei suoi giocatori, Mister Sarri può contare sul rientro di Immobile e anche Acerbi, dovrebbe essere tra gli undici in campo dal primo minuto ma se non dovesse farcela è pronto al suo posto Patric. A centrocampo dovrebbe tornare tra i titolari Luis Alberto.

L’Empoli si presenta all’Olimpico con qualche assente per Covid-19, ma cercherà, come ha detto il suo allenatore, Andreazzoli, nel pre-gara, di giocare la gara con lo stesso spirito di come quando sono al completo, in tutti gli effettivi titolari

Le dichiarazioni degli allenatori nel pre-gara

Sarri – (non ha rilasciato interviste)

Andreazzoli –Ci ricordiamo com’è andata la prima di campionato con la Lazio. Sarebbe una mancanza notevole non ricordarcelo e non provare a trarne vantaggio. I ragazzi partecipano in maniera totale a quello che chiediamo. Non siamo pari categoria alla Lazio, per noi questo deve essere un vantaggio. Se abbiamo la stima degli avversari questo ci fa piacere, significa che abbiamo assunto una parziale posizione di previlegio, che arriva dal lavoro e dall’applicazione. Ma siamo consapevoli del nostro livello e per arrivare a quello della Lazio ci vuole. Ma lo sappiamo”.

“Abbiamo fatto le cose al massimo delle nostre possibilità, come sempre. Ci siamo concessi un giorno in meno di ferie per cercare di non abbassare il nostro livello di attenzione, fisico e mentale. I ragazzi hanno lavorato bene durante le feste. Sarà il campo a dire se siamo pronti. Abbiamo lavorato in questi giorni come se fossimo tutti, anche se c’erano dei positivi assenti e questo ci porterà a fare considerazioni per la sfida”.

Andreazzoli sul Covid: “Viviamo la situazione col disagio di tutti i cittadini, più che noi lo soffrono i nostri medici, cerchiamo di avere grande attenzione. È una situazione con la quale siamo costretti a convivere, era preventivabile che succedesse questo, magari potevamo essere un po’ più previdenti, certo è che entriamo in campi particolari e personali. Prima di tutto la salute e la libertà vanno anteposte a tutto, però c’è chi ragiona in un altro modo”.

“Delle voci di mercato ne farei a meno perché sono contento dei ragazzi che ho. Ma ci sono delle dinamiche nelle squadre che richiedono interventi. A questo pensa Accardi, che è il numero uno in questo. Certe voci fanno anche piacere perché danno lustro a quello che hanno fatto i ragazzi fino ad oggi”.

Le probabili formazioni

Lazio (4-3-3): Strakosha; Marusic, Luiz Felipe, Patric, Hysaj; Milinkovic Savic, Cataldi, Luis Alberto; Pedro, Immobile, Felipe Anderson.

All. Sarri

Empoli (4-3-1-2): Vicario; Stojanovic, Tonelli, Luperto, Parisi; Henderson, Ricci, Bandinelli; Bajrami; Di Francesco, Pinamonti.

All. Andreazzoli

La squadra arbitrale

Arbitro: Giua di Olbia.

Assistenti di Linea: Dei Giudici e Moro.

IV Uomo: Miele.

VAR: Banti.

AVAR: Di Iorio.

Dove vedere la diretta TV e in Streaming

Il match tra Lazio e Empoli, con fischio d’inizio alle ore 14.30 all’Olimpico di Roma, sarà visibile su DAZN.

————————————-

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteDiscarica Albano, Presicce(Lega): No a proroga Ordinanza Raggi e a nuovo impianto Biogas. Richiesto oggi Consiglio Straordinario in Città Metropolitana
Articolo successivoSerie A. Lazio-Empoli 3-3. Nuovo anno, solite amnesie dei biancocelesti