SERIE A. LAZIO-MILAN. I ROSSONERI VOGLIONO RIPRENDERSI LA VETTA DELLA CLASSIFICA; I BIANCOCELESTI UN POSTO IN EUROPA LEAGUE

81

Casa Lazio, dubbio Strakosha, ieri in stato febbricitante. Confermato il trio d’attacco, Immobile, Zaccagni, Felipe Anderson. Pioli può contare sul ritorno tra i convocati di Ibrahimovic e Rebic ma perde Bennacer per infortunio   

– articolo di Massimo Catalucci

www.massimocatalucci.it

(Meridiananotizie) Roma, 24 aprile 2022 – Questa sera allo stadio Olimpico nella Capitale, alle ore 20:45, la Lazio affronterà il Milan dell’ex Mister Pioli. E’ inutile dirlo che è un’altra ottima occasione per “grattare” punti alle dirette concorrenti per un piazzamento in campionato valido per partecipare all’Europa League della prossima stagione. Occasione che, visto il risultato di ieri tra Inter e Roma, a favore dei nerazzurri, deve essere sfruttata dai ragazzi di Mister Sarri.

I biancocelesti hanno dalla loro parte il fattore campo ma sappiamo che non sempre questa condizione si è rivelata un vantaggio. Ad esempio, nel turno precedente di campionato, la Lazio contro il Torino, in casa appunto, ha fatto una delle partite più scialbe del suo cammino in questa stagione 2021/2022, vicino molto, come prestazione, a quella incolore dell’ultimo derby.

Ma sappiamo che i ragazzi di Mister Sarri, quando scendono in campo con la giusta concentrazione, determinazione ed umiltà, oltre che la volontà di impegnarsi fino in fondo, sanno tirare fuori prestazioni di alto livello e possono giocarsela con chiunque.

E’ quello che sperano tutti i tifosi laziali, di vedere questa sera la Lazio “sarriana” che in alcuni tratti (pochi purtroppo) abbiamo visto in questa stagione, dove il pressing alto non permette agli avversari di iniziare il gioco fin dalla propria area di rigore; dove i passaggi con pochi tocchi al pallone (solitamente uno o due), sono precisi e veloci; dove l’aggressività (calcistica) non permette all’avversario di ragionare; dove il contropiede veloce, riesce a trovare impreparata qualsiasi difesa…Insomma dove la Lazio, gioca, diverte e vince.

Il Milan, arriverà nella Capitale per fare punti, perché l’Inter è in salute e non perde un colpo. Aspettiamoci, quindi, una gara aperta dove possono esserci spazi per la velocità dei giocatori laziali: Lazzari sulla fascia per contropiedi veloci, così come in attacco con Zaccagni e Felipe Anderson laterali e il bomber centrale Immobile. Crediamo che la gara sarà determinata, però, dall’atteggiamento dei rispettivi centrocampi delle due compagini, da una parte, quello laziale a tre: Leiva, Milinkovic-Savic e Luis Alberto; dall’altra, quello milanista a cinque anche se nei fatti sarà un centrocampo a tre perché i due esterni fungeranno da attaccanti: Tonali, Kessié; Messias, Brahim Diaz, Leao

Le dichiarazioni degli allenatori nel pre-gara

SARRI – “Il Milan è una squadra forte e prende pochi gol. Ci abbiamo giocato due partite che loro hanno vinto agevolmente. La distanza era netta, dobbiamo provare ad assottigliarla. Spero che domani (oggi NDR) sarà una partita diversa, in entrambe le gare giocate con loro in pochi minuti abbiamo preso 2 gol”.

“Non dobbiamo pensare sempre e solo gara per gara. Nelle ultime 12 partite abbiamo fatto 24 punti, 13 nelle ultime 6. Col Torino abbiamo sbagliato qualcosa, ma la mia squadra sta dando segnali di crescita”.

Non abbiamo passato una settimana semplice. Abbiamo avuto una settimana con otto giocatori influenzati insieme. Vediamo chi riusciamo a recuperare. Tutte queste situazioni non aiutano”.

Milinkovic-Savic ha fatto tutto l’allenamento con noi. Tra quelli che stava con l’influenza stava meglio, ma molti poi hanno avuto delle ricadute. Domani (oggi NDR) avremo il quadro più chiaro”.

Non penso che la protesta dei tifosi per il caro prezzi condizioni la squadra, anche perché noi non conosciamo i dettagli, credo sia una cosa che venga da lontano e non posso giudicare. A noi interessa avere il sostegno nello stadio, come abbiamo sempre avuto. Sarebbe determinante: se dovesse mancare ci potrebbe condizionare”.

“Riguardo il nostro risultato a fine stagione e il mio futuro, mi rifaccio alle parole del presidente: il contratto non conta. Posso avere anche 10 anni di contratto, ma se non sono in sintonia con il programma e l’ambiente non rimango. Oppure posso avere un mese di contratto ma estrema voglia di restare a tutti i costi. La posizione finale come termometro del mio lavoro? Sarebbe più preoccupante chiudere quinti senza aver la sensazione di aver costruito qualcosa che arrivare ottavi ma avendo costruito per il futuro”.

“Il passo per diventare forti: per ora non lo siamo stati, almeno per l’altissima classifica. Ma è un problema decennale: negli ultimi 7-8 anni, quando non c’erano Inter e Milan, la Lazio ha fatto la Champions una volta sola. Ora che sono rientrare le milanesi è ancora più complicato”.

“Fa parte nella stagione di un giocatore avere dei momenti in cui rende al 102% e altri in cui gioca al 95%. Credo sia fisiologico questo, anche per Zaccagni, nell’arco di 50 partite”.

PIOLIZlatan è il faro di questa squadra: la sua forza di volontà è indomabile; sta facendo di tutto per aiutare la squadra ed essere disponibile. Partirà con noi così come Rebic che sta bene: siamo pronti”.

“Non c’è nessun caso. Rebic soffre di una tendinite cronica al ginocchio, ha provato ma non ce la faceva. Sono stati sufficienti due giorni di fisioterapia per recuperarlo”.

La nostra condizione fisica è ottima, stiamo bene sicuramente. Nelle due precedenti con la Lazio eravamo stati ottimi sia sul piano fisico che sul piano tecnico”.

“Le qualità di Milinkovic-Savic sono una risorsa per la Lazio, abbiamo sempre lavorato su di lui con un centrocampista con determinate caratteristiche e potremmo farlo anche domani”.

Castillejo ha avuto qualche problemino fisico, ma ora sta meglio ed è disponibile anche lui”.

Bennacer è un giocatore in grande crescita. Credo che abbia ancora dei margini di miglioramento nelle due fasi. Sta lavorando tanto. L’unica notizia negativa della settimana è che Bennacer non sarà disponibile perché nel derby ha avuto una distorsione alla caviglia”.

Le probabili formazioni

LAZIO (4-3-3): Strakosha; Lazzari, Luiz Felipe, Acerbi, Hysaj; Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto; Felipe Anderson, Immobile, Zaccagni

Allenatore: Sarri

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kalulu, Tomori, Theo Hernandez; Tonali, Kessié; Messias, Brahim Diaz, Leao; Giroud

Allenatore: Pioli

La squadra arbitrale, VAR e AVAR

Arbitro: GUIDA

Assistenti di linea: MELI-PERETTI

IV Uomo: PICCININI

VAR: ORSATI

AVAR: ZUFFERLI

Deve seguire la diretta in TV e in Streaming

La gara tra Lazio e Milan è trasmessa in diretta tv esclusiva da DAZN: l’app è disponibile o scaricabile sulle smart tv compatibili, o collegando il proprio apparecchio a Amazon Firestick o Google Chromecast. In alternativa si può seguire la partita tramite l’app presente sulle console Playstation 4, Playstation 5 e Xbox (One, One S, One X, Series X, Series S) o il TIMVISION Box.

Lazio-Milan sarà visibile anche in diretta streaming sul sito di DAZN, collegandosi allo stesso tramite PC o notebook, oppure scaricando l’applicazione ufficiale su smartphone o tablet.

 

————————————-

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Serie A. Lazio-Empoli. Riparte il campionato, squadre decimate dal Covid-19

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteCiocci, UGL Agroalimentare: “Si proclama lo sciopero martedì 26 aprile per la chiusura dell’Alival di Ponte Buggianese di Lactalis”
Articolo successivoLanuvio,riaperta ufficialmente al pubblico la Torre Medievale